L’importanza di essere biondo 2.

Una volta (al tempo in cui ero studente universitario) mia nonna mi raccontò che un giorno, quando ero ancora bambino, preso da un momento di sconforto, le dissi tra le lacrime: “Ma verrà il giorno che potrò comandare!?” e lei mi rassicurò dicendomi di si. Che strana e sciagurata smania!
Intanto stavo imparando il peso e l’arte dell’obbedienza: cosa indispensabile per chi è chiamato a comandare.
Passano gli anni e il mio fratello “facinoroso” andò a fare il servizio militare di leva in Marina (un anno e mezzo!).
Sapendo della mia simpatia per le divise e il mondo militare in genere, mi regalò un berretto da Tenente di Vascello: l’equivalente del Capitano per l’Esercito.
Come è importante il termine “Capitano”!

Deriva dal latino “caput”, che significa “testa” ma anche “principio”: ciò che sta al massimo vertice per guidare, coordinare tutto il corpo.
Perfino San Paolo usa questo termine quando, parlando della Chiesa come un corpo composto da molte membra, riserva a Gesù Cristo il “compito”, la dignità di capo (la testa).
Nell’esercito pontificio del 1526 Giovanni de’ Medici era il Capitano e i comandanti suoi subalterni, preposti ai raggruppamenti più grandi di uomini, erano i “Colonnelli” (comandavano colonne dell’esercito ma non tutto l’esercito).
Nel mondo moderno la terminologia militare ha invertito i ruoli: i Capitani sono ufficiali inferiori rispetto ai Colonnelli che, come ufficiali superiori, hanno responsabilità più alte su un maggior numero di uomini.

Nella Marineria civile si usa il termine Capitano per indicare colui che ha il comando supremo della nave o anche solo del piccolo peschereccio.
Alla fine della fiera, sembra che il termine “Capitano” mi segua in silenzio, attraverso gli anni e le esperienze di vita: da bambino qualcuno mi chiamava “Capitano”; ora mio fratello mi regalava un berretto da Capitano …
Ragazzi, cosa ci volete fare? Sono cose che … capitano!

Beh! Ora basta. La prossima volta vi parlerò di due carissimi amici, che sono stati molto importanti per la mia vita di questi ultimi anni.
Sono due Colonnelli: un Carabiniere e un Marinaio. A presto!
GM

© Copyright Teatro Don Bosco Savona - P.Iva 00521000091